Gara - ID 1995

Stato: Scaduta


Registrati o Accedi Per partecipare

Stazione appaltante Comune di Airola
ProceduraAperta
CriterioQualità prezzo
OggettoServizi
COMUNE DI AIROLA (BN) – PROCEDURA APERTA – Affidamento in concessione mediante Project Financing ai sensi dell’art. 183,commi 1-14, del D.Lgs. n. 50/2016,della “PROGETTAZIONE, AMPLIAMENTO, EFFICIENTAMENTO E RIQUALIFICAZIONE TECNOLOGICA-FUNZIONALE DELL’IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE COMUNALE, CON PREDISPOSIZIONE  AI SERVIZI DI SMART CITY – VALORIZZAZIONE MONUMENTI E PALAZZI STORICI COMUNALI” con apporto di capitali privati.
CIG8384642975
CUPF11C20000020007
Totale appalto€ 5.320.000,00
Data pubblicazione 03/08/2020 Termine richieste chiarimenti Venerdi - 28 Agosto 2020 - 12:30
Scadenza presentazione offerteVenerdi - 04 Settembre 2020 - 12:30 Apertura delle offerteMartedi - 15 Settembre 2020 - 10:00
Categorie merceologiche
  • 45 - Lavori di costruzione
  • 6532 - Gestione di impianti elettrici
DescrizioneCOMUNE DI AIROLA (BN) – PROCEDURA APERTA – Affidamento in concessione mediante Project Financing ai sensi dell’art. 183,commi 1-14, del D.Lgs. n. 50/2016,della “PROGETTAZIONE, AMPLIAMENTO, EFFICIENTAMENTO E RIQUALIFICAZIONE TECNOLOGICA-FUNZIONALE DELL’IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE COMUNALE, CON PREDISPOSIZIONE  AI SERVIZI DI SMART CITY – VALORIZZAZIONE MONUMENTI E PALAZZI STORICI COMUNALI” con apporto di capitali privati.
Struttura proponente Ufficio Tecnico - Servizio Lavori Pubblici
Responsabile del servizio Arch. Aragosa Pasquale Responsabile del procedimento ARAGOSA PASQUALE
Allegati
Richiesta DGUE XML
File p7m 2-disciplinare.pdf - 1.21 MB
03/08/2020
File docx 3-modello-a-domanda-di-partecipazione. - 37.52 kB
03/08/2020
File docx 4-modello-a1-protocollo-di-legalit. - 29.11 kB
03/08/2020
File docx 5-modello-a2-impatto-criminale. - 28.93 kB
03/08/2020
File doc 6-modello-b-patto-integrit - 46.00 kB
03/08/2020
File doc 7-modello-c-offerta-economica - 67.50 kB
03/08/2020
File rar studio-di-fattibilit-economica - 55.34 MB
03/08/2020
File rar tavole-finanziarie-e-amministrative - 2.47 MB
03/08/2020
File p7m 1-bando-di-gara.pdf - 775.83 kB
03/08/2020

Chiarimenti

  1. 19/08/2020 08:56 - Considerato che il Disciplinare di gara al paragrafo 18, punto 11, prevede che “La proposta di variante progettuale dovrà essere accessoria e migliorativa rispetto al progetto a base di gara.” si CHIEDE
    • di chiarire se i “TEMPI/FREQUENZA” degli interventi di manutenzione indicati nella tabella a pagg. 5 e segg. dell’elaborato FTE_08_SP costituiscono i minimi inderogabili o se, invece, sono soltanto indicativi.


    Come previsto dal disciplinare di gara il parametro di valutazione n. 10 “Modalità e gestione dei servizi” può essere oggetto solo di “variante migliorativa”.
    La “variante progettuale” come specificato nel successivo parametro di valutazione n. 11 attiene a migliorie di elementi non previste nel progetto originario, ma di sicuro apprezzamento da parte della commissione di valutazione. Tali elementi sono specificamente indicati nello stesso disciplinare, nell’apposita sezione di illustrazione dei criteri di valutazione (pag. 20).
    Per queste motivazioni, si specifica, che i tempi/frequenza degli interventi manutentivi, inseriti nell’allegato FTE_08_SP “specificazione delle caratteristiche del servizio e della gestione”, costituiscono i minimi inderogabili su cui è possibile però operare una miglioria senza stravolgere l’elemento progettuale posto a base di gara.
     
    20/08/2020 08:56
  2. 27/08/2020 10:15 -

    RISPOSTE AI QUESITI
    Risposta al Quesito n. 1
    1. La proroga, in conformità all’art. 79, comma 3 del Codice contratti pubblici, può essere concessa se, per qualunque motivo, le informazioni supplementari significative ai fini della preparazione di offerte adeguate, seppur richieste in tempo utile dall'operatore economico, non sono fornite al più tardi sei giorni prima del termine stabilito per la ricezione delle offerte. Inoltre, può essere concessa solo se sono effettuate modifiche significative ai documenti di gara.
    Al momento quindi le condizioni non ci sono per la proroga.
    2. Si precisa che l’offerta tecnica deve essere composta secondo lo schema degli allegati precisati nel disciplinare di gara in quanto si è ritenuto inopportuno in questa sede richiedere elaborati non utili alla valutazione del progetto.
    La busta c deve contenere la documentazione indicata nel disciplinare al punto 17.
     
    Risposta al  Quesito n. 2
    1. Il cronoprogramma dei lavori sarà valutato sulla base di un criterio discrezionale. La commissione valuterà con specifica preferenza un cronoprogramma che prediliga la realizzazione di opere e lavori di natura “fredda” in un momento antecedente rispetto alle opere “calde”, cioè funzionali al risparmio energetico.     
    2. Le migliorie alla proposta saranno valutate per ogni singolo criterio di valutazione. Il parametro di valutazione n. 11 riguarda invece le “varianti progettuali migliorative” i cui limiti (per garantire la par condicio tra i concorrenti) sono indicati nella illustrazione dei criteri di valutazione.
     
    Risposta al Quesito n. 3
    1. I punti luce sono in numero di 1837 come da relazione tecnica.
    2. Tra le varianti progettuali migliorative è prevista una estensione degli impianti di pubblica illuminazione
    3. I canoni per la gestione dei punti luce sono fissi e immodificabili e l’importo non dipende dal numero di punti luce offerti.
    4.Tra le varianti progettuali migliorative è prevista anche la valorizzazione artistica di piazze e monumenti cittadini.
     
    Risposta al Quesito n. 4
    1. il canone annuo di gestione (comprensivo delle manutenzioni e dei consumi di energia elettrica) sarà erogato dal momento del trasferimento dei consumi di energia elettrica in capo al concessionario. Le linee guida MEF sono state elaborate principalmente per le opere fredde in cui è previsto come remunerazione per il concessionario il solo canone di manutenzione dell’opera pubblica realizzata.
     

     
    27/08/2020 17:21
  3. 27/08/2020 10:03 -

    Quesito Originale:

    In merito alla procedura di gara in oggetto si chiede di chierire quanto segue , chiedendo inoltre , data l’importanza dei  quesiti richiesti ai fini della stesura della parte tecnica , una proroga della scadenza per la presentazione delle offerte  :

     FAQ N.1
    In riferimento all’art. 16 “ CONTENUTO DELLA BUSTA B – OFFERTA TECNICA” del Disciplinare di gara che di seguito si riporta testualmente:
    La busta “B – Offerta tecnica” contiene gli elementi del progetto definitivo, corredato da tutti gli elaborati di cui all’art. 23, del D.lgs. 50/2016 e artt. 24-32 del D.P.R. 207/2010. In particolare, dovranno essere allegati:
    a) relazione generale;
    b) relazioni tecniche e relazioni specialistiche;
    c) elaborati grafici;
    d) studio di impatto ambientale ove previsto dalle vigenti normative ovvero studio di fattibilità ambientale;
    e) calcoli delle strutture e degli impianti;
    f) disciplinare descrittivo e prestazionale degli elementi tecnici;
    g) computo metrico (non estimativo) senza l’indicazione di prezzi unitari o di importi economici.
     
    Di seguito viene esplicitato “Successivamente sarà onere della stazione appaltante richiedere all’affidatario della concessione la presentazione degli allegati progettuali a completamento/integrazione dell’elaborato posto a base di gara.”
     
    Si chiede di confermare che:
    1. l’offerta tecnica deve essere corredata, a pena di esclusione, di tutti gli elaborati all’art. 23 del D.lgs. 50/2016 e artt. 24-32 del D.P.R. 207/2010;
    2. l’elenco prezzi, l’analisi eventuale dei nuovi prezzi, il computo metrico estimativo, l’elenco prezzi della sicurezza e il computo degli oneri della sicurezza andranno allegati nella busta C offerta economica.
     

    FAQ N.2
    In riferimento all’art. 18.1 “ Criteri di Valutazione dell’offerta tecnica” del Disciplinare di gara relativamente al parametro N.6 “Migliorie al cronoprogramma dei lavori” :
    6) Migliorie al cronoprogramma dei lavori ( max 8 punti)
    La relazione dovrà contenere un cronoprogramma dei lavori in senso migliorativo rispetto a quanto previsto nel progetto posto a base di gara. Tra le migliorie proposte di sicuro apprezzamento per la commissione sarà la effettuazione delle opere fredde (quali i lavori di pavimentazione della Piazza Annunziata e spazi retrostanti, ivi compresa la illuminazione dei portici) in un momento antecedente ai lavori di efficientamento energetico. Non dovranno essere inseriti i giorni necessari per la realizzazione in quanto oggetto della busta successiva.
     
    Si chiede di chiarire le modalità di valutazione da parte della commissione del cronoprogramma dei lavori non dovendo esplicitare le tempistiche di esecuzione delle lavorazioni.
    Inoltre, si chiede di confermare che, le migliore proposte, saranno valutate, esclusivamente, nel parametro N.11 “Varianti progettuali”
     
    FAQ N.3

    Si chiede di confermare che :
    1. il numero di punti luce esistenti, come indicato a pag. 3 dell’ elaborato posto a base di gara “ FTE_02_RE_02 - Relazione Tecnica", sono n. 1837.
    2. ogni eventuale punto aggiuntivo previsto in offerta tecnica derivante da un’analisi più dettagliata dello stato di fatto e/o da un estensione della rete di illuminazione comunale, saranno valutati, esclusivamente, nel parametro N.11 “Varianti progettuali”.
    3. ogni eventuale punto aggiuntivo rispetto ai n.1837 punti luce a base di gara non potranno determinare alcuna variazione al canone posto a base di gara dall’amministrazione comunale;
    4. i consumi derivanti dall’illuminazione artistica dei palazzi storici e delle piazza saranno a carico del Concessionario e non potranno determinare alcuna variazione al canone posto a base di gara dall’amministrazione comunale;
    5. i lavori di valorizzazione artistica di piazze e monumenti cittadini e la relativa illuminazione artistica saranno valutati, esclusivamente, nel parametro N.11 “Varianti progettuali.

    FAQ N.4
    1. Si chiede di confermare che il canone di disponibilità, a differenza di quanto previsto nel PEF posto a base di gara dall’Amministrazione Comunale,  potrà essere riconosciuto al Concessionario solo ad avvenuto esito positivo del Collaudo dei lavori come esplicitamente indicato nella Bozza di Convenzione predisposta dalla Ragioneria dello Stato per i contratti PPP ( http://www.mef.gov.it/documenti-allegati/2018/Contratto_PPP_21_settembre_2018-CP.pdf ) confermata dal Parere del Consiglio di Stato - Adunanza di Sezione del 22 aprile 2020 -  NUMERO AFFARE 00196/2020 (  http://www.rgs.mef.gov.it/_Documenti/VERSIONE-I/Attivit--i/attivita_trasversali/ppp/N-00196_2020-AFFARE.pdf).

    In attesa di pronto riscontro si porgono Distinti Saluti 


    RISPOSTE AI QUESITI
    Risposta al Quesito n. 1
    1. La proroga, in conformità all’art. 79, comma 3 del Codice contratti pubblici, può essere concessa se, per qualunque motivo, le informazioni supplementari significative ai fini della preparazione di offerte adeguate, seppur richieste in tempo utile dall'operatore economico, non sono fornite al più tardi sei giorni prima del termine stabilito per la ricezione delle offerte. Inoltre, può essere concessa solo se sono effettuate modifiche significative ai documenti di gara.
    Al momento quindi le condizioni non ci sono per la proroga.
    2. Si precisa che l’offerta tecnica deve essere composta secondo lo schema degli allegati precisati nel disciplinare di gara in quanto si è ritenuto inopportuno in questa sede richiedere elaborati non utili alla valutazione del progetto.
    La busta c deve contenere la documentazione indicata nel disciplinare al punto 17.
     
    Risposta al  Quesito n. 2
    1. Il cronoprogramma dei lavori sarà valutato sulla base di un criterio discrezionale. La commissione valuterà con specifica preferenza un cronoprogramma che prediliga la realizzazione di opere e lavori di natura “fredda” in un momento antecedente rispetto alle opere “calde”, cioè funzionali al risparmio energetico.     
    2. Le migliorie alla proposta saranno valutate per ogni singolo criterio di valutazione. Il parametro di valutazione n. 11 riguarda invece le “varianti progettuali migliorative” i cui limiti (per garantire la par condicio tra i concorrenti) sono indicati nella illustrazione dei criteri di valutazione.
     
    Risposta al Quesito n. 3
    1. I punti luce sono in numero di 1837 come da relazione tecnica.
    2. Tra le varianti progettuali migliorative è prevista una estensione degli impianti di pubblica illuminazione
    3. I canoni per la gestione dei punti luce sono fissi e immodificabili e l’importo non dipende dal numero di punti luce offerti.
    4.Tra le varianti progettuali migliorative è prevista anche la valorizzazione artistica di piazze e monumenti cittadini.
     
    Risposta al Quesito n. 4
    1. il canone annuo di gestione (comprensivo delle manutenzioni e dei consumi di energia elettrica) sarà erogato dal momento del trasferimento dei consumi di energia elettrica in capo al concessionario. Le linee guida MEF sono state elaborate principalmente per le opere fredde in cui è previsto come remunerazione per il concessionario il solo canone di manutenzione dell’opera pubblica realizzata.
     

     
    27/08/2020 17:26
  4. 26/08/2020 13:01 -

    Quesito Originale:

    Buongiorno, con il presente quesito si chiede di confermare che l’indicazione prevista nel paragrafo 15 “Contenuto della busta A – documentazione amministrativa” al punto 14.2 “Il concorrente, pena l’impossibilità di ricorrere al subappalto, indica l’elenco delle prestazioni che intende subappaltare con la relativa quota percentuale dell’importo complessivo del contratto nonché, ai sensi dell’art. 105, comma 6 del
    Codice, la denominazione dei tre subappaltatori proposti. Il concorrente, per ciascun subappaltatore, allega: - DGUE, a firma del subappaltatore, contenente le informazioni di cui alla parte II, sezioni A e B, alla parte III, sezioni A, C e D, e alla parte VI; - PASSOE del subappaltatore” (altresì ribadita al punto 14.3.2 lett.a ) si tratti di un mero refuso e che pertanto non è richiesta l’indicazione della terna dei subappaltatori e la relativa documentazione.

    Certi di un vosto riscontro, cordiali saluti
     


    RISPOSTA QUESITO 
    L’indicazione riportata al punto 14.2 del disciplinare di gara, dove si chiede di indicare la terna dei subappaltatori è da considerarsi un mero refuso, in quanto la norma non trova più vigenza nell’attuale quadro normativo. 
     
    Cordiali saluti.
    Il RUP
    Arch. Pasquale Aragosa
    27/08/2020 18:57
  5. 26/08/2020 10:53 -

    Quesito Originale:

    In relazione alla verniciatura dei sostegni di acciaio a pag.4 dell’elaborato FTE_08_SP FTE_08_SP si legge “Per quanto riguarda i sostegni di acciaio, essi vanno tenuti in osservazione, in relazione alle condizioni atmosferiche, al fine di provvedere alla verniciatura quando necessaria. Una periodicità per la verniciatura, in ogni caso, può essere prevista intorno ai cinque anni.”
    La verniciatura non è prevista nella successiva tabella degli interventi di manutenzione per cui, si CHIEDE
    • di precisare se è prevista o meno una periodicità minima di verniciatura dei sostegni.


    RISPOSTA AL QUESITO
    Come già chiarito  in precedenza  nel fornire risposta ad altro quesito,  si  evidenzia, che il parametro di valutazione n. 10 “Modalità e gestione dei servizi” può essere oggetto solo di “variante migliorativa”.
    La periodicità di intervento della verniciatura, stabilita in 5 anni, pur non rappresentando un elemento indefettibile delle migliorie in quanto non presente nella successiva tabella, riproduce comunque uno standard minimo e quindi oggetto delle eventuali migliorie in sede di gara.
     
     
    27/08/2020 18:58
  6. 11/08/2020 13:48 -

    Quesito Originale:

    Buongiorno,
    nonostante la disdetta del sopralluogo inviata ieri, per non partecipazione a gara, siamo a chiedere una proroga della scdenza di gara per poter effettuare il sopralluogo e valutare al meglio l’offerta da presentare.
    Ci scusiamo per il disguido, porgiamo distinti saluti.

    Ufficio Gare


    In riferimento al quesito di cui sopra,si comunica che, ad oggi ci sono ancora 20 giorni per la formulazione delll’offerte, quindi oltre il termine di 15 giorni minimi stabiliti per legge.  
    Che sono stati rispettati ampiamenti tutti i termini di pubblicazione e di formulazione dell’offerte. Pertanto, tenuto conto che l’Amministrazione Appaltante ha urgenza di realizzare l’opera, in considerazione anche che questa procedura di gara segue altra procedura di gara andata deserta, la richiesta di proroga della scadenza di gara formulata da Codesta impresa,  NON PUO’ ESSERE ACCOLTA.

    F.to l’ufficio tecnico Servizio LL.PP.
    27/08/2020 18:59

Registrati o Accedi Per partecipare

TuttoGare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk
Per supporto alle Stazioni Appaltanti:
800955054 int.3
piattaforma@asmel.eu

Per supporto agli Operatori Economici:
02-40031280
assistenza@tuttogare.it
Attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 17:30

By ASMEL ASSOCIAZIONE

Via Carlo Cattaneo, 9 Gallarate (VA)
Email: piattaforma@asmel.eu 


 

ASMEPAL

Centro Direzionale, Isola G/1 80143 NAPOLI
Email: info@asmepal.it – PEC: asmepal@asmepec.it