Gara - ID 2346

Stato: Pubblicazione


Registrati o Accedi Per partecipare

Stazione appaltante Comune di Santa Croce del Sannio
ProceduraAperta
CriterioQualità prezzo
OggettoServizi
PROCEDURA APERTA PER LA SELEZIONE SOGGETTO ATTUATORE PER L’AFFIDAMENTO DELLLE ATTIVITA’ RELATIVE ALLA “PROSECUZIONE DEL PROGETTO DI ACCOGLIENZA NEI COMUNI DI SANTA CROCE DEL SANNIO E MORCONE SPRAR/SIPROIMI IN FAVORE DI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI (MSNA) – PROG.419-PR -2 – Periodo 01.01.2021 – 31.12.2022
 
CIG8466254DCE
CUP
Totale appalto€ 1.160.681,14
Data pubblicazione 16/11/2020 Termine richieste chiarimenti Domenica - 06 Dicembre 2020 - 12:00
Scadenza presentazione offerteMercoledi - 16 Dicembre 2020 - 12:00 Apertura delle offerteLunedi - 21 Dicembre 2020 - 16:30
Categorie merceologiche
  • 853113 - Servizi di assistenza sociale per bambini e giovani
DescrizioneArt. 1 Oggetto dell’appalto

1. Il presente capitolato regola gli oneri generali e particolari inerenti il rapporto tra l’Amministrazione e l’affidatario (soggetto attuatore) individuato per l’organizzazione e la gestione di un servizio di accoglienza, integrazione e tutela “Sistema di protezione per i titolari di protezione internazionale e per i minori stranieri non accompagnati”, secondo gli interventi e attività di massima previste per il biennio 2021/2022 nel “ Progetto SPRAR/SIPROIMI da realizzarsi nei Comuni di Santa Croce del Sannio (BN) e Morcone  (BN) – Minori stranieri non accompagnati-  PROG.419-PR -2  per numero 22 minori, così come stabilito dall’allegato A) del Decreto del Ministero degli Interni 18/11/2019.


Art. 2 Destinatari e descrizione dei servizi del progetto
 
 
  1. Il progetto prevede la prosecuzione delle attività di accoglienza, integrazione e tutela per n. 22 richiedenti asilo, rifugiati e titolari di protezione sussidiaria appartenenti alla categoria  “ MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI”.
  2. Per accoglienza integrata si intende la messa in atto di interventi materiali di base ( vitto e alloggio) insieme a servizi volti al supporto di percorsi di inclusione sociale funzionali alla riconquista dell’autonomia individuale. L’accoglienza integrata è pertanto costituita dai seguenti SERVIZI MINIMI garantiti obbligatori:
a) Accoglienza materiale – Attività diretta a:
  • garantire il vitto e soddisfare le richieste e le particolari necessità in modo da rispettare le tradizioni culturali e religiose delle persone accolte;
  • fornire vestiario, biancheria per la casa, prodotti per l’igiene personale in quantità sufficiente e rispettando le esigenze individuali;
  • erogare pocket money;
  • fornire il materiale scolastico per i minori;
b) Mediazione linguistico-culturale – Il servizio di mediazione linguistico-culturale è da considerarsi trasversale e complementare agli altri servizi erogati.
La mediazione linguistico-culturale è finalizzata a facilitare la relazione e la comunicazione – sia linguistica (interpretariato), che culturale – tra i singoli beneficiari, il progetto di accoglienza e il contesto territoriale (istituzioni, servizi locali, cittadinanza);
c) Orientamento e accesso ai servizi del territorio – attività diretta a:
  • garantire le procedure di iscrizione anagrafica secondo quanto dispone la normativa vigente;
  • orientare i beneficiari alla conoscenza del territorio, facilitandoli nell’accesso e nella fruibilità dei servizi erogati, così come previsto dal Manuale operativo;
  • garantire l’accesso e la fruibilità del diritto alla salute;
d) Insegnamento della lingua italiana e inserimento scolastico per i minori – attività diretta a:
  • garantire l’inserimento scolastico dei minori e l’istruzione degli adulti secondo gli obblighi di legge e monitorarne la frequenza;
  • favorire, ove possibile, l’accesso all’istruzione secondaria e universitaria;
  • garantire l’accesso, la fruibilità e la frequenza dei corsi di apprendimento e conseguimento dell’attestazione e/o certificazione della lingua italiana, secondo il livello di conoscenza di ciascun beneficiario, senza interruzioni nel corso dell’anno, per un numero minimo di quindici ore settimanali;
e) Formazione e riqualificazione professionale – Attività diretta a :
    • sviluppare azioni di orientamento al lavoro, incluso l’utilizzo di specifici strumenti di profilazione delle competenze;
    • orientare e accompagnare i beneficiari alla formazione e ri-qualificazione professionale (corsi, tirocini formativi, etc.);
    • facilitare le procedure di riconoscimento dei titoli di studio e professionali;
f) Orientamento e accompagnamento all’inserimento lavorativo – attività diretta a :
    • garantire l’informazione sulla normativa italiana in materia di lavoro e l’orientamento ai servizi per l’impiego;
    • facilitare i percorsi di inserimento lavorativo in ambienti adeguati per beneficiari con specifiche esigenze, fermo restando quanto previsto dalla vigente normativa in materia di accesso al lavoro per le persone svantaggiate e appartenenti a categorie protette;
g) Orientamento e accompagnamento all’inserimento abitativo – attività diretta a :
    • favorire l’accesso all’edilizia residenziale pubblica, nonché al mercato privato degli alloggi attraverso azioni di promozione, supporto ed eventuale intermediazione tra beneficiari e locatori/proprietari;
    • facilitare i percorsi di inserimento abitativo in ambienti adeguati ai beneficiari con specifiche esigenze;
h) Orientamento e accompagnamento all’inserimento sociale – attività diretta a:
    • promuovere la realizzazione di attività di sensibilizzazione e di informazione al fine di facilitare il dialogo tra i beneficiari e la comunità cittadina;
    • promuovere e sostenere la realizzazione di attività di animazione socio-culturale mediante la partecipazione attiva dei beneficiari;
    • costruire e consolidare la rete territoriale di sostegno al progetto coinvolgendo gli attori locali interessati;
    • promuovere la partecipazione dei beneficiari alla vita associativa e pubblica del territorio, anche in previsione di eventi interamente auto-organizzati;
i) Orientamento e accompagnamento legale – attività diretta a:
    • per i MSNA richiedenti asilo garantire l’orientamento e l’accompagnamento nell’interlocuzione con gli attori istituzionali preposti alle diverse fasi della procedura di riconoscimento della protezione internazionale;
    • garantire la verifica degli adempimenti amministrativi di segnalazione agli organi competenti e le dovute azioni di legge in materia di presa in carico dei minori stranieri non accompagnati e garantire il supporto per la regolarizzazione degli stessi nell’ipotesi in cui formalizzino la richiesta di protezione internazionale;
    • garantire l’orientamento e l’informazione legale sulla normativa italiana ed europea in materia di immigrazione e d’asilo;
    • garantire l’orientamento e l’accompagnamento in materia di procedure amministrative relative alla posizione di ogni singolo beneficiario;
    • garantire l’informazione sui diritti e i doveri sanciti dall’ordinamento italiano;
    • garantire l’informazione sui programmi di rimpatrio assistito e volontario;
    • garantire l’assistenza tecnico legale nel caso di beneficiari con specifiche esigenze di presa in carico;
l) Tutela psico-socio-sanitaria – attività diretta a :
    • garantire l’attivazione del sostegno psico-socio-assistenziale in base alle specifiche esigenze dei singoli beneficiari;
    • nel caso di servizi di accoglienza in favore di minori stranieri non accompagnati garantire i servizi psico-socio-educativi;
    • garantire l’accompagnamento al Servizio sanitario nazionale per l’attivazione dei relativi servizi di base e/o specialistici;
    • garantire l’orientamento, l’informazione e l’accompagnamento in materia di protezione sociale e previdenza;
    • garantire, nel caso di beneficiari con specifiche esigenze di presa in carico, l’accesso ai necessari servizi psico-socio-sanitari, accompagnando l’eventuale piano terapeutico-riabilitativo individuale con attività socio-assistenziali;
    • garantire la flessibilità degli interventi al fine di declinarli in base all’evoluzione della condizione di vulnerabilità durante il percorso di accoglienza;
    • costruire e consolidare la collaborazione con gli attori che, a diverso titolo, possono partecipare ai percorsi di supporto, riabilitazione e cura dei beneficiari portatori di specifiche esigenze psico-socio-sanitarie, dipendenti anche dal loro percorso migratorio e personale, nonché dalle condizioni specifiche di riduzione in situazione di sfruttamento o di violenze e/o torture subite;
    • costruire e consolidare, per eventuali situazioni emergenziali, la collaborazione con gli attori pubblici e privati che, a diverso titolo, possono partecipare alla complessiva gestione delle casistiche, di cui al punto precedente.
Struttura proponente Settore Amministrativo
Responsabile del servizio Enzo Capozzi Responsabile del procedimento CAPOZZI ENZO
Allegati
Richiesta DGUE XML
File pdf bando-e-disciplinare-di-gara-prot.-4851-2020 - 300.25 kB
16/11/2020
File pdf capitolato-speciale-santa-croce-2020 - 273.98 kB
16/11/2020
File zip allegati-siproimi-2021-2022 - 76.71 kB
16/11/2020

Lotti

OggettoPROCEDURA APERTA PER LA SELEZIONE SOGGETTO ATTUATORE PER L’AFFIDAMENTO DELLLE ATTIVITA’ RELATIVE ALLA “PROSECUZIONE DEL PROGETTO DI ACCOGLIENZA NEI COMUNI DI SANTA CROCE DEL SANNIO E MORCONE SPRAR/SIPROIMI IN FAVORE DI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI (MSNA) – PROG.419-PR -2 – Periodo 01.01.2021 – 31.12.2022
CIG8466254DCE
Totale lotto € 1.160.681,14
Durata 24 Mesi
Descrizione Art. 1 Oggetto dell’appalto

1. Il presente capitolato regola gli oneri generali e particolari inerenti il rapporto tra l’Amministrazione e l’affidatario (soggetto attuatore) individuato per l’organizzazione e la gestione di un servizio di accoglienza, integrazione e tutela “Sistema di protezione per i titolari di protezione internazionale e per i minori stranieri non accompagnati”, secondo gli interventi e attività di massima previste per il biennio 2021/2022 nel “ Progetto SPRAR/SIPROIMI da realizzarsi nei Comuni di Santa Croce del Sannio (BN) e Morcone  (BN) – Minori stranieri non accompagnati-  PROG.419-PR -2  per numero 22 minori, così come stabilito dall’allegato A) del Decreto del Ministero degli Interni 18/11/2019.


Art. 2 Destinatari e descrizione dei servizi del progetto
 
 
  1. Il progetto prevede la prosecuzione delle attività di accoglienza, integrazione e tutela per n. 22 richiedenti asilo, rifugiati e titolari di protezione sussidiaria appartenenti alla categoria  “ MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI”.
  2. Per accoglienza integrata si intende la messa in atto di interventi materiali di base ( vitto e alloggio) insieme a servizi volti al supporto di percorsi di inclusione sociale funzionali alla riconquista dell’autonomia individuale. L’accoglienza integrata è pertanto costituita dai seguenti SERVIZI MINIMI garantiti obbligatori:
a) Accoglienza materiale – Attività diretta a:
  • garantire il vitto e soddisfare le richieste e le particolari necessità in modo da rispettare le tradizioni culturali e religiose delle persone accolte;
  • fornire vestiario, biancheria per la casa, prodotti per l’igiene personale in quantità sufficiente e rispettando le esigenze individuali;
  • erogare pocket money;
  • fornire il materiale scolastico per i minori;
b) Mediazione linguistico-culturale – Il servizio di mediazione linguistico-culturale è da considerarsi trasversale e complementare agli altri servizi erogati.
La mediazione linguistico-culturale è finalizzata a facilitare la relazione e la comunicazione – sia linguistica (interpretariato), che culturale – tra i singoli beneficiari, il progetto di accoglienza e il contesto territoriale (istituzioni, servizi locali, cittadinanza);
c) Orientamento e accesso ai servizi del territorio – attività diretta a:
  • garantire le procedure di iscrizione anagrafica secondo quanto dispone la normativa vigente;
  • orientare i beneficiari alla conoscenza del territorio, facilitandoli nell’accesso e nella fruibilità dei servizi erogati, così come previsto dal Manuale operativo;
  • garantire l’accesso e la fruibilità del diritto alla salute;
d) Insegnamento della lingua italiana e inserimento scolastico per i minori – attività diretta a:
  • garantire l’inserimento scolastico dei minori e l’istruzione degli adulti secondo gli obblighi di legge e monitorarne la frequenza;
  • favorire, ove possibile, l’accesso all’istruzione secondaria e universitaria;
  • garantire l’accesso, la fruibilità e la frequenza dei corsi di apprendimento e conseguimento dell’attestazione e/o certificazione della lingua italiana, secondo il livello di conoscenza di ciascun beneficiario, senza interruzioni nel corso dell’anno, per un numero minimo di quindici ore settimanali;
e) Formazione e riqualificazione professionale – Attività diretta a :
    • sviluppare azioni di orientamento al lavoro, incluso l’utilizzo di specifici strumenti di profilazione delle competenze;
    • orientare e accompagnare i beneficiari alla formazione e ri-qualificazione professionale (corsi, tirocini formativi, etc.);
    • facilitare le procedure di riconoscimento dei titoli di studio e professionali;
f) Orientamento e accompagnamento all’inserimento lavorativo – attività diretta a :
    • garantire l’informazione sulla normativa italiana in materia di lavoro e l’orientamento ai servizi per l’impiego;
    • facilitare i percorsi di inserimento lavorativo in ambienti adeguati per beneficiari con specifiche esigenze, fermo restando quanto previsto dalla vigente normativa in materia di accesso al lavoro per le persone svantaggiate e appartenenti a categorie protette;
g) Orientamento e accompagnamento all’inserimento abitativo – attività diretta a :
    • favorire l’accesso all’edilizia residenziale pubblica, nonché al mercato privato degli alloggi attraverso azioni di promozione, supporto ed eventuale intermediazione tra beneficiari e locatori/proprietari;
    • facilitare i percorsi di inserimento abitativo in ambienti adeguati ai beneficiari con specifiche esigenze;
h) Orientamento e accompagnamento all’inserimento sociale – attività diretta a:
    • promuovere la realizzazione di attività di sensibilizzazione e di informazione al fine di facilitare il dialogo tra i beneficiari e la comunità cittadina;
    • promuovere e sostenere la realizzazione di attività di animazione socio-culturale mediante la partecipazione attiva dei beneficiari;
    • costruire e consolidare la rete territoriale di sostegno al progetto coinvolgendo gli attori locali interessati;
    • promuovere la partecipazione dei beneficiari alla vita associativa e pubblica del territorio, anche in previsione di eventi interamente auto-organizzati;
i) Orientamento e accompagnamento legale – attività diretta a:
    • per i MSNA richiedenti asilo garantire l’orientamento e l’accompagnamento nell’interlocuzione con gli attori istituzionali preposti alle diverse fasi della procedura di riconoscimento della protezione internazionale;
    • garantire la verifica degli adempimenti amministrativi di segnalazione agli organi competenti e le dovute azioni di legge in materia di presa in carico dei minori stranieri non accompagnati e garantire il supporto per la regolarizzazione degli stessi nell’ipotesi in cui formalizzino la richiesta di protezione internazionale;
    • garantire l’orientamento e l’informazione legale sulla normativa italiana ed europea in materia di immigrazione e d’asilo;
    • garantire l’orientamento e l’accompagnamento in materia di procedure amministrative relative alla posizione di ogni singolo beneficiario;
    • garantire l’informazione sui diritti e i doveri sanciti dall’ordinamento italiano;
    • garantire l’informazione sui programmi di rimpatrio assistito e volontario;
    • garantire l’assistenza tecnico legale nel caso di beneficiari con specifiche esigenze di presa in carico;
l) Tutela psico-socio-sanitaria – attività diretta a :
    • garantire l’attivazione del sostegno psico-socio-assistenziale in base alle specifiche esigenze dei singoli beneficiari;
    • nel caso di servizi di accoglienza in favore di minori stranieri non accompagnati garantire i servizi psico-socio-educativi;
    • garantire l’accompagnamento al Servizio sanitario nazionale per l’attivazione dei relativi servizi di base e/o specialistici;
    • garantire l’orientamento, l’informazione e l’accompagnamento in materia di protezione sociale e previdenza;
    • garantire, nel caso di beneficiari con specifiche esigenze di presa in carico, l’accesso ai necessari servizi psico-socio-sanitari, accompagnando l’eventuale piano terapeutico-riabilitativo individuale con attività socio-assistenziali;
    • garantire la flessibilità degli interventi al fine di declinarli in base all’evoluzione della condizione di vulnerabilità durante il percorso di accoglienza;
    • costruire e consolidare la collaborazione con gli attori che, a diverso titolo, possono partecipare ai percorsi di supporto, riabilitazione e cura dei beneficiari portatori di specifiche esigenze psico-socio-sanitarie, dipendenti anche dal loro percorso migratorio e personale, nonché dalle condizioni specifiche di riduzione in situazione di sfruttamento o di violenze e/o torture subite;
    • costruire e consolidare, per eventuali situazioni emergenziali, la collaborazione con gli attori pubblici e privati che, a diverso titolo, possono partecipare alla complessiva gestione delle casistiche, di cui al punto precedente.
Categorie merceologiche 853113 - Servizi di assistenza sociale per bambini e giovani
Ulteriori informazioni

Registrati o Accedi Per partecipare

TuttoGare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk
Per supporto alle Stazioni Appaltanti:
piattaforma@asmel.eu

Per supporto agli Operatori Economici:
02-40031280

Attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 17:30

By ASMEL ASSOCIAZIONE

Via Carlo Cattaneo, 9 Gallarate (VA)
Email: piattaforma@asmel.eu 


 

ASMEPAL

Centro Direzionale, Isola G/1 80143 NAPOLI
Email: info@asmepal.it – PEC: asmepal@asmepec.it